Please select manufacturer

  • Maserati Maserati

Please select a model

  • Ghibli (M157) 2013+
  • Levante 2016+
  • Quattroporte VI 2012+

Please select an engine

    Back

    Maserati Chiptuning

    Prestazioni ancora migliori grazie al Chiptuning Maserati

    Se si guarda la targhetta dei prodotti del costruttore, si capisce subito che tutti sono dotati di motori di enorme potenza. Questo non ci impedisce però di dare alla vostra Maserati un ulteriore incremento di prestazioni fino al 35%. Dalle versioni più potenti dei modelli Quattroporte, Ghibli e Levante si ottiene dalla nostra scatola più grande una potenza extra fino a 85 CV.

    Questo rende possibile con il nostro chip tuning Maserati di grattare al limite dei 500 CV. Un altro vantaggio per voi come cliente:

    Se otterrete un tale tuning box, vi sarà garantito il piacere di guidare per tutta la vita. Nel caso in cui un giorno doveste separarvi dalla vostra auto, questo non ha alcun effetto sul prodotto ordinato. Grazie alla moderna tecnologia AI, il nostro Chiptuningbox Maxchip Chiptuningbox può essere utilizzato per qualsiasi altra vettura compatibile senza la necessità di ulteriori conversioni o costi.

    Saving fuel with a Maserati Chip Tuning

    Quindi un enorme aumento delle prestazioni per la vostra Maserati è solo uno dei tanti vantaggi dei nostri prodotti. Utilizzando la tecnologia AI, il nostro chip tuning Maserati regola valori come l’angolo di iniezione in modo tale da avere la possibilità di cambiare marcia molto prima che senza tuning.

    Ciò si traduce in un cambio marcia significativamente inferiore, che ha un effetto positivo sul consumo di carburante. A seconda del vostro comportamento di guida personale, il risultato finale è un possibile riduzione dei consumi fino al 15%. Naturalmente, dovete anche essere consapevoli che se sfruttate al meglio il Chiptuning Maserati, non raggiungerete questi valori, ma dovrete fare i conti con un consumo di carburante costante o leggermente crescente.
    >br />

    Maserati Chiptuning veloce e facile da installare

    Vogliamo rendere il tutto il più piacevole e facile possibile per i nostri clienti. Pertanto il installazione di tuning del chip funziona in modo semplice, in modo che questo sia possibile anche per i nuovi arrivati nell’area di tuning senza problemi e senza supporto professionale. Con l’acquisto del nostro Chiptuning Maserati riceverete in aggiunta gratuitamente, accanto al nostro tuning box, tutti i cavi necessari per l’installazione e le relative immagini, che semplificano ulteriormente l’installazione. Se l’uno o l’altro problema dovesse verificarsi, il nostro servizio clienti sarà lieto di aiutarvi per telefono o per e-mail. Su richiesta, riceverete anche immagini e video aggiuntivi per un’installazione senza problemi.

    Il miglioramento delle prestazioni Maserati tramite il funzionamento dello smartphone

    Se scegliete un Maxchip Ultra box, potrete godere di un altro highlight. È quindi possibile scaricare l’applicazione dell’azienda dall’App Store e collegarsi al nostro chip via Bluetooth. In questo modo il cliente ha a disposizione le seguenti mappature di messa a punto:
    – GARA 1-3
    – SPORT 1-3
    – SPORT 1-3
    – ECO 1-3
    – MODALITÀ DI ALIMENTAZIONE

    È così possibile trovare facilmente una corrispondenza ideale tra il vostro comportamento di guida, il vostro veicolo e ciò che accade durante il viaggio. Inoltre, l’app offre anche un timer di riscaldamento integrato, la possibilità di eseguire il chip tuning Maserati in una certa gamma e una completa disattivazione.

    Maserati history

    Il marchio italiano di lusso oggi conosciuto come Maserati è stato fondato nel 1914 come Società Anonima Officine Alfieri Maserati. Era un’azienda a conduzione familiare, dopotutto i fondatori Alfieri, Bindo, Carlo, Ernesto ed Ettore Maserati erano tutti fratelli.

    All’epoca, però, non fu possibile creare un proprio stabilimento di produzione o addirittura una distribuzione in serie per un lungo periodo. All’inizio l’azienda produceva solo auto da corsa che venivano guidate dai fratelli – prima di tutto da Alfieri – in varie gare. Questo è stato l’obiettivo principale dell’azienda per più di 10 anni: solo nel 1926 le prime auto da corsa furono prodotte secondo le specifiche del cliente.

    E’ stato più o meno in questo periodo che il marchio così come lo conosciamo oggi si è sviluppato. Da quel momento in poi, i modelli delle serie da corsa furono disponibili solo come Maserati e il logo dell’azienda fu rapidamente ritrovato. Il tridente nell’emblema ricorda una famosa fontana di Bologna, la casa dei fratelli.

    Vendite aziendali e continui successi nelle corse

    Crescentemente la Maserati si è fatta un nome in varie serie di corse. Tra i momenti salienti in assoluto ci sono sicuramente le due vittorie alla “500 Miglia di Indianapolis” alla fine degli anni ’30 e il quinto e ultimo titolo mondiale di Formula 1 vinto dal cinque volte campione del mondo Juan-Manuel Fangio nel 1957.

    A questo punto, però, i fratelli Maserati non possedevano l’azienda da tempo. Inizialmente, questo non ha cambiato il concetto. L’azienda ha continuato ad affidarsi esclusivamente alla produzione di auto da corsa, con il modello A6 che è stato il primo ad essere omologato per la circolazione stradale e quindi visto occasionalmente nelle città italiane.

    Solo alla fine degli anni ’50 la Maserati si avventurò nella produzione di serie. Dopo un inizio positivo con il modello 3500 GT, sono stati lanciati sul mercato sempre più modelli di serie come Indy, Sebring, 5000 GT o Ghibli.

    Tense financial situation and company takeover

    Anche se i modelli di produzione Maserati sono stati inizialmente ben accolti dai conducenti, l’azienda ha poi vissuto tempi difficili dal punto di vista finanziario. Soprattutto dopo l’acquisizione da parte di Citroen, la società non è stata in attivo per molto tempo e a metà degli anni ’80, sotto la guida di Alejandro de Tomaso, era sull’orlo del fallimento assoluto.

    Questo potrebbe essere evitato con successo soprattutto grazie all’introduzione dei cosiddetti modelli biturbo. Questa idea è nata solo con l’arrivo del Gruppo Fiat e si è poi intensificata. Dal 1993, Maserati è posseduta al 100% dal Gruppo Fiat e fa parte del Gruppo Ferrari Maserati.

    Al volgere del millennio, la strada portava dall’italiano alle origini. I modelli 3200 GT, Coupé e Quattroporte hanno richiamato di nuovo i modelli classici della casa italiana premium.